biblioteca solidale

La Campagna Biblioteche Solidali delle Biblioteche di Roma mira a far nascere e sostenere biblioteche nei paesi del Sud del mondo.
Scopo della Campagna è quello di promuovere a livello globale il “diritto alla lettura e all’informazione”, attraverso due obiettivi distinti e intrecciati:

  1. costruire o sostenere biblioteche o progetti rivolti alla diffusione del libro e della lettura nei Paesi del Sud del Mondo
  2. offrire ai cittadini utenti delle Biblioteche di Roma occasioni di informazione più approfondita e testimonianze dirette sulla cultura e sulla realtà  di detti Paesi.

                                                                                                                      [per maggiori dettagli]

Nel triennio 2014-2016 Seniores Italia Lazio partecipa alla campagna Biblioteche Solidali con il progetto “Ny bokiko no tokiko, arovako fa lovako” (in italiano il mio libro è la mia speranza, lo proteggo perché è la mia eredità) per realizzare una “biblioteca itinerante” a Antananarivo, capitale del Madagascar, che porterebbe i libri da una zona all’altra della periferia disagiata della città per renderli più facilmente usufruibili. [scheda tecnica].
Il progetto è nato in partenariato con l’Associazione Malgascia Tetezana Mada che, con il supporto di sostenitori italiani attraverso l’Associazione Italo-Malgascia Tetezana onlus, opera a sostegno dei bambini che frequentano la scuola pubblica locale, integrando la formazione e l’educazione di questi bambini attraverso attività di doposcuola con la presenza di una maestra che li segue da vicino.

Sabato 7 giugno 2014 è stata organizzata una festa di solidarietà per finanziare il progetto “Ny bokiko no tokiko, arovako fa lovako” che s’è tenuta all’interno del parco di Villa Santa Rita, in via Tommaso Arcidiacono 200.
Ad ottobre 2014 alcuni volontari di Seniores Italia Lazio si sono recati in Madagascar ed hanno visitato i luoghi dove si svolgono gli incontri di lettura e partecipato alla consegna di parte dei libri ad una scuola nella periferia della Capitale che è diventata il terzo punto di incontro per la lettura. Tutti i dettagli sono riportati nella “relazione 2014” sullo stato di avanzamento del progetto, presentata alle Biblioteche di Roma.